Vangelo della Seconda domenica di Quaresima

postato in: Liturgia | 0

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 17,1-9. In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni suo fratello e li condusse in disparte, su un alto monte. E fu trasfigurato davanti a loro; il suo volto brillò come il sole e le sue vesti divennero candide come la luce. Ed ecco apparvero loro Mosè ed Elia, che conversavano con lui. Pietro prese allora la parola e disse a Gesù: «Signore, è bello per noi restare qui; se vuoi, farò qui tre tende, una per te, una per Mosè e una per Elia». Egli stava ancora parlando quando una nuvola luminosa li avvolse con la sua ombra. Ed ecco una voce che diceva: «Questi è il Figlio mio prediletto, nel quale mi sono compiaciuto. Ascoltatelo». All'udire ciò, i discepoli caddero con la faccia a terra e furono presi da grande timore. Ma Gesù si avvicinò e, toccatili, disse: «Alzatevi e non temete». Sollevando gli occhi non videro più nessuno, se non Gesù solo. E mentre discendevano dal monte, Gesù ordinò loro: «Non parlate a nessuno di questa visione, finché il Figlio dell'uomo non sia risorto dai morti».

Audio Lectio Divina sul vangelo della domenica (a cura di p. Simone Gamberoni)
Meditiamo con l'arte
 

GIOVANNI BELLINI - "Trasfigurazione di Cristo"

Olio su tavola, 116X154 cm (1478-1479)

La scena rappresenta Cristo sul monte Tabor con accanto i profeti Elia e Mose', mentre rivela la sua natura divina agli apostoli Pietro, Giovanni e Giacomo che assistono sorpresi e attoniti. Colpisce l'ambientazione:  la scena è collocata in un luminoso e accogliente paesaggio lombardo/veneto. Sullo sfondo, colline verdeggianti si stagliano s'un cielo saturo di nuvole candeggianti; la presenza di mucche al pascolo e figure umane, accentuano la visione bucolica dell'insieme.

Ai due lati sono riprodotte la Basilica di Sant'Apollinare in Classe e la Tomba di Teodorico a Ravenna.

L'episodio Sacro e' dipinto con toni morbidi e rassicuranti, il tutto avvolto in una luce calda e intensa che sembra convergere sulla veste del Cristo , splendente nel suo candore : altissima poesia.

(testo a cura di Michele Angarano)

Lascia un commento